Le verruche

giu

22

Le verruche

Postato da: Elisa Sbrogio / blog

Le verruche sono formazioni benigne che interessano lo strato superficiale della pelle. Si presentano come lesioni rotonde o di forma irregolare, superficie rugosa, di consistenza dura, di diametro da 2 a 10 mm. Le zone del corpo più colpite sono mani, piedi, gomiti e possono poi diffondersi per grattamento.
Le verruche si osservano soprattutto nei giovani dai 4 ai 18 anni.
Sono causate da uno dei settanta tipi di HPV, papilloma virus umano. L'infezione provoca proliferazione cellulare con conseguente ispessimento cutaneo. Le verruche ai piedi si possono prendere camminando a piedi nudi in piscina, spogliatoi, docce, dove cioè l'ambiente caldo-umido favorisce la proliferazione del virus. Il periodo di incubazione è superiore a tre mesi. Le verruche si risolvono spontaneamente in un soggetto con un sistema immunitario efficiente. Il sistema immunitario infatti riconosce il virus che provoca la verruca, come estraneo e dannoso e lo elimina. Una verruca scompare senza trattamenti nell'arco di uno o due anni.
Ovviamente se la verruca è dolorosa, antiestetica o si trova in zone a rischio di contagio, si può ricorrere a prodotti di applicazione topica per eliminarla. Un trattamento di prima scelta è l'uso di prodotti a base di acido salicilico. Una applicazione giornaliera per tre mesi risulta risolutiva nel 75% dei casi.
L'efficacia del trattamento aumenta se la verruca trattata viene poi coperta da una medicazione occlusiva. Se tale trattamento fallisce, si può ricorrere alla crioterapia.
La crioterapia consiste nel congelare in modo controllato la verruca provocando un danno alla cute tale da causare il distacco della verruca. Viene eseguita da personale medico applicando azoto liquido per 15-20 secondi ogni 3-4 settimane. Il trattamento risulta doloroso e quindi è mal sopportato dai bambini più piccoli.
Esistono dei prodotti acquistabili in farmacia che si basano sulla crioterapia ma che usano una miscela congelante diversa dall'azoto liquido. Tale miscela viene applicata una sola volta sulla verruca per 10-20 secondi ed eventualmente si può ripetere dopo quindici giorni se non si è ottenuto il risultato voluto.
Risultano essere prodotti pratici, economici e sicuri anche se un po' meno efficaci della crioterapia con azoto liquido.Sono causate da uno dei settanta tipi di HPV, papilloma virus umano. L'infezione provoca proliferazione cellulare con conseguente ispessimento cutaneo. Le verruche ai piedi si possono prendere camminando a piedi nudi in piscina, spogliatoi, docce, dove cioè l'ambiente caldo-umido favorisce la proliferazione del virus. Il periodo di incubazione è superiore a tre mesi. Le verruche si risolvono spontaneamente in un soggetto con un sistema immunitario efficiente. Il sistema immunitario infatti riconosce il virus che provoca la verruca, come estraneo e dannoso e lo elimina. Una verruca scompare senza trattamenti nell'arco di uno o due anni.
Ovviamente se la verruca è dolorosa, antiestetica o si trova in zone a rischio di contagio, si può ricorrere a prodotti di applicazione topica per eliminarla. Un trattamento di prima scelta è l'uso di prodotti a base di acido salicilico. Una applicazione giornaliera per tre mesi risulta risolutiva nel 75% dei casi.
L'efficacia del trattamento aumenta se la verruca trattata viene poi coperta da una medicazione occlusiva. Se tale trattamento fallisce, si può ricorrere alla crioterapia.
La crioterapia consiste nel congelare in modo controllato la verruca provocando un danno alla cute tale da causare il distacco della verruca. Viene eseguita da personale medico applicando azoto liquido per 15-20 secondi ogni 3-4 settimane. Il trattamento risulta doloroso e quindi è mal sopportato dai bambini più piccoli.
Esistono dei prodotti acquistabili in farmacia che si basano sulla crioterapia ma che usano una miscela congelante diversa dall'azoto liquido. Tale miscela viene applicata una sola volta sulla verruca per 10-20 secondi ed eventualmente si può ripetere dopo quindici giorni se non si è ottenuto il risultato voluto. Risultano essere prodotti pratici, economici e sicuri anche se un po' meno efficaci della crioterapia con azoto liquido.

Di:

Elisa Sbrogio